SPESA MINIMA 20€. COSTO DI SPEDIZIONE 2,60€. SPEDIZIONE GRATUITA PER GLI ORDINI SUPERIORI A 99€.

Vomito e nausea: quali fenomeni si celano dietro?

Vomito e nausea sono fenomeni connessi. Spesso, infatti, la nausea può sfociare nel vomito e donare senso di sollievo al soggetto ammalato. Entrambe queste condizioni sono sintomatiche di altre patologie che devono essere indagare.

La nausea è una sgradevole sensazione che precede il vomito e si manifesta nella parte superiore dello stomaco, tra torace e retro della gola. I fattori che la scatenano sono vari e possono interessare il sistema dell’equilibrio (presente nell’orecchio), il sistema nervoso centrale o gli organi addominali. Non c’è da allarmarsi, a patto che non siano presenti contemporaneamente cefalea, trauma cranico, forti dolori addominali, etc.

Il vomito, invece, non è altro che un meccanismo di difesa dell’organismo che trova la sua attivazione nel sistema nervoso centrale. Esso si caratterizza per l’espulsione di cibo e succhi gastrici tramite la bocca, risaliti tramite spinta dallo stomaco all’esofago. Lo scopo del vomito è quello di rigettare gli agenti patogeni che intaccano l’organismo e che sono pericolosi per la salute. Lo stesso avviene quando si tossisce, si starnutisce o si evacua.

Vomito e nausea: quali sintomi e quali cause?

Quali sono i fattori scatenanti di tali fenomeni e quali sintomi vi si accompagnano?

Per quanto riguarda il vomito, se ne classificano numerose tipologie:

psicogenico: ha origine nella psiche e si verifica quando si è particolarmente stressati

centrale: si manifesta senza preavviso e solitamente dopo aver subito un trauma

gravidico: arriva nei primi 3 mesi di gravidanza

riflesso: arriva, appunto, di riflesso ad uno stimolo esterno olfattivo, visivo o di gusto.

In base al tipo di vomito si presentano sintomi quali dolore addominale, eccesso di salivazione, diarrea, stipsi, cefalea e nausea.

Per quanto riguarda la nausea, invece, tra le cause vi sono:

• assunzione di farmaci

• mal d’auto o mal di mare

• abuso di alcol

• gravidanza

• allergie alimentari

• anestesia generale

• malattie gravi come tumori e pancreatite

• gastroenterite

• ipoglicemia

Tra i sintomi più comuni vanno menzionati il senso di vomito e il vomito stesso, disgusto per alcuni alimenti e sudorazione eccessiva.

Come debellare nausea e vomito

Tendenzialmente questi disturbi spariscono da soli in poco tempo. Per la nausea esistono numerose soluzioni da banco facilmente reperibili in farmacia che possono alleviare i fastidi. In particolare, validi aiuti sono gli antiacidi e i rimedi per chi soffre di mal d’auto e mal di mare.

Per il vomito, invece, è bene prima rivolgersi al medico curante per capire l’origine del malessere per poi ricevere la terapia adeguata alle proprie esigenze. Come anticipato, esistono numerose tipologie di vomito ed ognuna ha la sua cura. Ad ogni modo, è importante idratarsi correttamente e inserire poco a poco liquidi nell’organismo come acqua o soluzioni minerali e ricostituenti.

Di notevole importanza in questi casi, è assumere cibi che non rendono difficile la digestione, poveri di fibre e ricchi di amido più che di proteine o grassi. Gli alimenti che ci aiutano in condizioni di nausea e vomito sono sicuramente il riso, ricco di nutrienti di cui il corpo può ritrovarsi in carenza a causa del vomito, le banane ricche di potassio e più in generale quegli alimenti facilmente digeribili come pane tostato, pesce al vapore e patate.

Viene sconsigliata l'assunzione di cibi solidi ed è importante cercare di evitare il più possibile la disidratazione, per via dei liquidi persi. Sono sicuramente da evitare cibi contenenti caffeina, bevande gassate, alcolici, latticini ed insaccati. Buona norma è sicuramente quella di mangiare poco e spesso, riducendo le quantità abitualmente assunte ai pasti.

Nel caso in cui i sintomi persistano, allora bisogna ricontattare il medico e fare visite più approfondite per andare a capo della questione.