SPESA MINIMA 20€. COSTO DI SPEDIZIONE 2,60€. SPEDIZIONE GRATUITA PER GLI ORDINI SUPERIORI A 99€.

Metodi per guarire dalla gastroenterite

La gastroenterite è un’infezione intestinale, spesso di origine virale. Numerosi altri agenti patogeni, come batteri e parassiti, possono colpire l’organismo, ma i virus sono quelli più comuni. Tutti, almeno una volta nella vita, hanno sperimentato la gastroenterite (da non confondere con l’influenza intestinale). Parliamo di una patologia infettiva che può essere contratta col contagio diretto o tramite l’assunzione di cibi e liquidi infetti. Ad essere intaccate, in particolar modo, sono le pareti dello stomaco che, irritate, portano sintomi come diarrea, spossatezza, vomito e qualche volta febbre e brividi. Tale malattia non si protrae per lungo tempo, ma va comunque tenuta sotto controllo a causa della disidratazione che si fa largo e che può diventare insidiosa per la salute di anziani e bambini.

Questo disturbo è contagioso fino a 48 ore dopo che è andato via. In alcuni soggetti è addirittura silente e non manifesta sintomi, anche se l’infezione è in atto. Prevenire è meglio che curare, quindi è fondamentale non scambiare asciugamani o stoviglie col soggetto infetto e lavare spesso le mani.

Rotavirus, Calivirus, Astrovirus e Adenovirus: gli agenti patogeni della gastroenterite

Molti confondono la gastroenterite con l’influenza intestinale, ma sono due cose distinte e separate. I bacilli che agiscono, infatti, sono differenti e, in questo caso, non si tratta del virus influenzale. Ecco a quali microorganismi bisogna prestare attenzione:

• Rotavirus: questo è il virus che interessa i bimbi dai 3 ai 15 mesi. La diarrea infantile è causata proprio da questo agente patogeno che va via in circa 8 giorni. Sovente può provocare vomito e dolore addominale

• Calivirus: i sintomi tipici di questo virus sono diarrea, influenza, vomito, mal di testa e dolori muscolari e si presentano dopo circa 72 ore dall’incubazione

• Astrovirus: questo bacillo colpisce soggetti deboli come anziani, neonati e bambini e agisce in qualsiasi periodo dell’anno

• Adenovirus: ne esistono circa 49 specie, ma ce n’è uno che colpisce con maggiore frequenza. Esso agisce dopo una settimana di incubazione provocando vomito e diarrea. I soggetti prevalentemente infettati sono bimbi sotto i 2 anni.

Come anticipato, i sintomi principali di tale disturbo sono diarrea e vomito, ma ciò non toglie che possano manifestarsi anche febbre, crampi addominali e dolori muscolari.

Gli integratori di sali minerali aiutano contro la gastroenterite

Come ripetuto più e più volte, gli antibiotici non hanno potere sulle infezioni virali. Bisogna lasciare che la malattia faccia il suo corso mentre si applicano alcuni accorgimenti come riposare, alimentarsi in modo pulito evitando cibi elaborati e idratarsi correttamente. Sì, perché è ormai risaputo che la disidratazione è fortemente debilitante per soggetti delicati come anziani e bambini. Il modo migliore per ovviare al problema è ricorrere a integratori di sali minerali facilmente reperibili in farmacia.