SPESA MINIMA 20€. COSTO DI SPEDIZIONE 2,60€. SPEDIZIONE GRATUITA PER GLI ORDINI SUPERIORI A 99€.

Bronchiolite infantile: attenti all’autunno

La bronchiolite è un'infezione dei bronchioli che non sono altro che passaggi all'interno dei polmoni. Questa patologia è di tipo virale e si diffonde soprattutto nei mesi freddi, facendo in modo che bambini sotto i 2 anni vengano spesso ricoverati in ospedale. Per fortuna, i sintomi persistono per circa una settimana per poi dissolversi definitivamente.

Quali sono le cause scatenanti la bronchiolite?

Il virus RSV è il bacillo responsabile della bronchiolite ed è meglio conosciuto come virus respiratorio sinciziale. Se colpisce gli adulti, tale agente patogeno non provoca danni gravi ma, al contrario, se interessa i bambini al di sotto dei 2 anni, allora bisogna correre subito ai ripari.

Altri bacilli responsabili di tale disturbo sono il virus dell'influenza, il virus della parainfluenza e l'adenovirus. I bimbi che sono maggiormente in pericolo sono quelli che non hanno ancora compiuto sei mesi di vita ed è per questo motivo che il ricovero in ospedale deve essere tempestivo.

I fattori che espongono il bambino alla patologia sono:

• nascita prematura

• esposizione al fumo di sigaretta e all’inquinamento

• età inferiore ai 6 mesi

• allattamento artificiale

I sintomi della bronchiolite, invece, sono:

• febbre

• respiro corto o sibilante

• tosse

• respirazione accelerata

• pelle bluastra dovuta alla mancanza di ossigeno

Inoltre, potrebbero insorgere anche congiuntivite, faringite, naso che cola e otite media.

Se si verificano i seguenti sintomi, allora bisogna correre immediatamente al pronto soccorso: • freddo improvviso • respirazione accelerata o troppo debole • letargia ed eccessiva stanchezza • colore cianotico di pelle e unghie

Cure per la bronchiolite

Essendo una malattia di origine virale, non esistono farmaci in grado di contrastare tale bacillo ed è consigliabile, dunque, mettere in pratica alcuni accorgimenti per far sì che la malattia faccia il suo decorso il prima possibile e senza complicazioni.

Ciò che il medico può fare è prescrivere medicinali che donino sollievo ai sintomi prescritti in precedenza e dispensare consigli su come affrontare la situazione. Alcuni esempio possono essere il ricorso a terapie di aerosol, deumidificatori per ambienti, ossigeno a portata di mano, lavaggi nasali a base di acqua termale e riposo assoluto per il piccolo paziente.