SPESA MINIMA 20€. COSTO DI SPEDIZIONE 2,60€. SPEDIZIONE GRATUITA PER GLI ORDINI SUPERIORI A 99€.

Asma: perché i bronchi si infiammano

L’asma è un’infezione bronchiale che interessa gran parte della popolazione mondiale tra adulti e bambini. La traduzione del termine dal greco significa letteralmente ‘respiro corto’, esattamente ciò che si prova quando la malattia si manifesta.

L’infiammazione ai bronchi porta ad un restringimento di questi ultimi e, quindi, ad un’anomalia nella respirazione. Ecco perché la sensazione è quella di non avere fiato. Tale sindrome può essere associata ad un’insufficienza cardiaca o ad un fattore allergico. Ad ogni modo, anche per l’asma c’è rimedio: bisogna solo individuare la terapia farmacologica adatta al soggetto.

Asma: quando e perché arriva

I fattori che incidono sull’insorgenza dell’asma sono molteplici:

• consumo di farmaci antinfiammatori non steroidi (FANS)

• fumo (anche quello passivo fa male)

• infezioni virali

• ambienti chiusi

• alimentazione (sembra che i bimbi non allattati al seno siano più predisposti a soffrire di questo disturbo)

• emozioni intense (ridere troppo forte, spaventi, collera, etc.)

• fattori ambientali

• allergeni (polvere, pelo di animale, graminacee, muffe, pollini, etc.)

Tale infezione, comunque, può essere associata ad altre patologie come reflusso gastroesofageo, rinite allergica e asma cardiaco.

I sintomi della malattia sono:

• senso di oppressione e dolore al torace

• respiro sibilante

• tosse (nei bambini si manifesta soprattutto di notte)

• fiato corto e difficoltà a prendere aria (dispnea)

Come calmare le crisi d’asma?

L’asma deve essere costantemente monitorata da chi sta vicino al paziente e dal medico. La terapia prescritta sarà decisa in base alle esigenze del soggetto e, quindi, è qualcosa di personale e non generalizzabile. I farmaci devono essere prima testati ed è per questo che i dosaggi vengono aumentati un po’ alla volta in base alla risposta del paziente.

I medicinali utilizzati in questi casi sono i cosiddetti controller, e devono essere assunti dal paziente a cadenza quotidiana per controllare l’andamento della patologia. I reliever, invece, sono soluzioni momentanee che vengono inalate e la loro funzione è quella di scongiurare i momenti di crisi causati dalla broncocostrizione.

Ad ogni modo, è bene che il paziente asmatico eviti contesti e ambienti dannosi per la sua salute come quelli dove si fuma o dove si sta a contatto con gli allergeni che interferiscono con il suo benessere.