SPESA MINIMA 20€. COSTO DI SPEDIZIONE 2,60€. SPEDIZIONE GRATUITA PER GLI ORDINI SUPERIORI A 99€.
Menu
Lavori molto al pc? Ecco i nostri consigli per non affaticare troppo la vista
18 ottobre 2019

Lavori molto al pc? Ecco i nostri consigli per non affaticare troppo la vista

Un’ attività lavorativa prolungata di fronte al pc  provoca un inevitabile carico all'organo della vista e, molto spesso, determina un’iperevaporazione di quel sottile ma utilissimo film lacrimale che separa come uno scudo naturale la superficie oculare dall’ambiente esterno. L’arrossamento e il fastidio sono solitamente espressione della «sindrome dell’occhio secco» un disturbo oculare dovuto ad un’alterazione quali-quantitativa del film lacrimale. Un occhio non sufficientemente lubrificato va necessariamente incontro a fastidi di media o grave entità che possono rendere difficoltose le più comuni attività quotidiane. Oltretutto se la sindrome si aggrava e non risponde alle cure, può arrivare a danneggiare la superficie della cornea che, in questo modo, diventa suscettibile a infezioni e ulcerazioni. Se il fenomeno si verifica spesso, non migliora con il tempo ed è accompagnato da bruciore o lacrimazione, potrebbe trattarsi di una patologia oculare.

Ecco di seguito alcuni consigli per alleviare il fastidio legato alla sindrome dell’occhio secco:

  • Effettuare pause di impegno visivo di 5-10 minuti ogni ora di attività (staccare gli occhi dal pc , guardare per alcuni minuti a distanza o restare per alcuni istanti ad occhi chiusi).
  • Bere molta acqua, specie fuori pasto.
  • Instillare lacrime artificiali in collirio a base di acido ialuronico che ripristinano lo strato lacrimale.
  • Umidificare l’ambiente. Se l’umidità relativa scende al di sotto del 50 per cento, il corpo traspira di più, perde liquidi e si avverte subito la secchezza negli occhi. Si può rimediare utilizzando un umidificatore che porti la percentuale di umidità almeno al livello di 60.
  • Moderare l’uso di lenti a contatto, ed evitare di indossarle soprattutto di fronte al pc, preferendo l’utilizzo di occhiali da vista.

Una innovazione nel trattamento della sindrome dell’occhio secco è oggi costituita dalla terapia  con  Luce  Pulsata  Intensa  Regolata  (IRPL, Intense Regulated Pulsed Light). Questo trattamento rivoluzionario agisce direttamente sulle ghiandole di Meibomio stimolandone il corretto funzionamento e la produzione della componente grassa indispensabile per la preservazione del film lacrimale. Durevole e in molti casi definitivo, il trattamento è rapido, del tutto indolore e privo di controindicazioni.

Commenti

Lascia un commento