SPESA MINIMA 20€. COSTO DI SPEDIZIONE 2,60€. SPEDIZIONE GRATUITA PER GLI ORDINI SUPERIORI A 99€.
Grasso viscerale, cos'è e come combatterlo
30 agosto 2019

Grasso viscerale, cos'è e come combatterlo

Il grasso viscerale, anche conosciuto anche come grasso addominale, può rappresentare un serio problema per la salute perché, a differenza del tessuto adiposo sottocutaneo, si deposita all’interno della cavità addominale, occupando lo spazio esistente tra i diversi organi interni dell’addome ossia fegato, stomaco e intestino (i visceri, da cui deriva la sua definizione).

Il suo eccessivo aumento può accrescere sensibilmente il rischio di soffrire di patologie anche gravi.

L’accumulo di grasso nell’area addominale a lungo termine può dar luogo ad una condizione di resistenza all’insulina ed è correlato all’aumento della pressione sanguigna, inoltre è collegabile con una maggiore probabilità di soffrire di:

  • infarto
  • altre malattie cardiache
  • diabete di tipo 2
  • ictus
  • cancro al colon-retto
  • cancro al seno
  • Alzheimer

Per valutare l’effettiva consistenza del grasso viscerale bisogna rivolgersi al proprio medico che, per diagnosticarla correttamente, si avvarrà dell’ausilio della TAC o della risonanza magnetica.

In linea generale, un parametro da valutare per evidenziare la presenza di grasso viscerale non è l’indice di massa corporea ma la misura del girovita che deve essere:

  • Uguale o inferiore ad 88 cm per le donne e 102 per gli uomini, misurandola sopra l’ombelico, nel punto più stretto della vita e dopo un’espirazione completa
  • Il rapporto con i fianchi deve essere inferiore a 0.8 per la donna e 0,9 per l’uomo.

Valori superiori a quelli indicati, anche se vanno inseriti in un contesto più ampio che tenga conto della corporatura, dell’etnia, dell’età ecc. possono richiedere un controllo dal proprio medico di fiducia.Per ridurre il grasso addominale bisogna agire modificando il proprio stile di vita, ossia seguendo un regime alimentare sano e bilanciato, riducendo l’apporto di zuccheri semplici e cibi preconfezionati, e praticando una regolare attività fisica, anche leggera ma per almeno 30 minuti ogni giorno. In caso di presenza di determinate patologie, come l’ipertensione o il diabete di tipo 2, il medico può prescrivere ulteriori accertamenti e l’assunzione di determinati farmaci.

Hai dubbi o curiosità su questo argomento? Contattaci! Lo staff delle Farmacie del Cuore sarà lieto di rispondere ad ogni tua domanda in merito!

Commenti

Lascia un commento